<p>Il settore assicurativo per la parità dei diritti</p>

Il settore assicurativo per la parità dei diritti

All'interno dell'Associazione delle compagnie assicurative è presente la Commissione Nazionale Pari Opportunità che da molti anni si adopera per la diffusione della cultura delle pari opportunità nel settore attraverso progetti ed eventi annuali.

A livello aziendale sono molte le iniziative volte a garantire pari diritti, inclusione e benessere dei dipendenti:

  • Reclutamento: 50% rapporto uomini/donne sulle assunzioni esterne e focus sull'attrazione di talenti femminili e donne in STEM; almeno il 40% gli under 30 assunti annualmente; iniziative ed eventi di employer branding e career counselling in partnership con università e associazioni dedicate agli studenti.
     
  • Sviluppo e gestione dei talenti: iniziative per garantire l'equità di genere (almeno il 50% delle donne) durante il processo di calibrazione e identificazione dei talenti; migliorare la presenza femminile nelle posizioni di vertice dei piani di successione; ottenere un rapporto promozione donne/uomini del 50%.
     
  • Progetto "Garantire la Conciliazione" per consolidare e migliorare le buone pratiche attualmente utilizzate per sostenere il personale assente per maternità/paternità (asilo nido, convenzioni con scuole vicine al luogo di lavoro, contributi economici per la scuola dell'infanzia e la scuola dell'infanzia per il personale che vive lontano dal luogo di lavoro).
     
  • Conservazione del posto di lavoro in caso di lunga malattia. Il periodo di conservazione del posto di lavoro previsto dal vigente C.C.N.L. viene aumentato di sei mesi; in caso di superamento del periodo di comporto, si attiva un “Fondo di solidarietà”, cui contribuiscono tutti i dipendenti che vi hanno aderito, che garantisce all’interessato un sostegno economico, pari alla retribuzione di un 4° livello prima classe, per tutto il tempo della conservazione del rapporto di lavoro senza retribuzione.
     
  • Prevenzione della discriminazione e della violenza di genere: prevenire e combattere qualsiasi tipo di discriminazione e violenza di genere attraverso una serie di iniziative volte a proteggere, educare e informare i nostri dipendenti e stakeholder su questi argomenti – alcuni esempi: help-line 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e-learning, misure ad hoc introdotte nell'ultimo accordo con i dipendenti dell'azienda.
     
  • Inclusione Lgbtqi +: accordo sindacale aggiornato che introduce misure e benefici di equità e pari opportunità per i dipendenti e le famiglie LGBTQI +; primo "progetto debiasing" avviato per garantire equità e rimuovere i pregiudizi durante il processo di assunzione; supporto al Pride Week 2021: campagna dedicata all'inclusione LGBTQI+.
     
  • Salute mentale: dal 2019 è a disposizione di tutti i collaboratori un servizio di consulenza che, in un percorso di 5 colloqui, offre supporto per superare eventuali situazioni di disagio o difficoltà personale. Un numero verde è inoltre sempre attivo 24 ore su 24 per il supporto in caso di necessità. I manager seguono un corso online sulla prevenzione del disagio mentale nei team.
     
  • Benessere: programmi finalizzati al benessere fisico (yoga, pilates, stretching e rafforzamento muscolare).
    ASSICURAZIONI IN ROSA: QUALCHE DATO 
     
  • Nel settore il 47,4% dei dipendenti è composto da donne: un dato superiore alla media nazionale di altri comparti. Il numero delle donne è cresciuto anche nei livelli di inquadramento più elevati: tra i dirigenti, la presenza femminile è aumentata di oltre 6 punti percentuali negli ultimi cinque anni, determinando un corrispondente decremento del personale dirigente maschile. 
     
  • Nell’ultimo biennio il cambio qualifica per le donne è avvenuto per un 11% da Funzionario a Dirigente, per l’89% da Impiegato a Funzionario. Il cambio qualifica per gli uomini è avvenuto per un 8% da Funzionario a Dirigente, per l’92% da Impiegato a Funzionario.